Chi si prenderà cura di te?

selfie_associazione_per_ankhÈ scattata ufficialmente la selfie mania. Ovunque ci giriamo possiamo notare che sono tutti intenti nel gesto rituale ormai più acclamato, dalle nonne ai nipotini.

Le pubblicità dei cellulari non menziona neanche più le qualità telefoniche del mezzo ma semplicemente la qualità della fotocamera, quasi che il telefono fosse diventato non un mezzo di comunicazione ma uno specchio. La cosa triste è che lo specchio riflette il nostro vuoto interiore nascosto da bei sorrisi e da gaudenti abbracci.

Ci accontentiamo della felicità di un momento, coltiviamo sentimenti a forma di selfie che durano il tempo di un click. Ed eccoci allora avvinghiati nell’abbraccio più affettuoso di sempre… e dopo un attimo quasi non ci ricordiamo più il nome di “quella persona” che compare al nostro fianco.

A forza di metterci in posa e coltivare immagini fatte da falsi sorrisi, non riusciamo più a distinguere il falso dal vero, incapaci di guardarci dentro, tanta è la paura del vuoto che possiamo trovare spegnendo anche solo per un giorno lo specchio del selfie-reame.

Tutto ciò che ci circonda è stato costruito per farci vivere in un bellissimo sogno, dove cosa importante e fondamentale è vivere nell’abitudine, nella ripetizione costante dei nostri meccanismi che, per quanto siano noiosi, mantengono sempre viva una forte sensazione di controllo e di benessere.

Tutto ciò che facciamo durante il giorno, dai rapporti personali alle amicizie, lavoro e sentimenti è standardizzato da abitudini imitate ed apprese meccanicamente da parenti, genitori, amici… il tutto condito con un piccolo tocco della nostra personalità, giusto per avere una leggera variazione sul tema e farci ritenere a pieno diritto unici e speciali.

Allora ben venga un selfie da condividere subito con gli altri per far vedere quanto fortunati, belli e felici siamo, così da non dover per un attimo stare da soli con noi stessi e vedere – orrore degli orrori – che senza le luci altrui puntate su di noi, non ci sentiamo in realtà (e in effetti non siamo) niente.

Selfie ricorda un’altra parola simile in inglese: “selfish”, che in Italiano significa “egoista”, cosa che non stupisce affatto, dato che in tutta questa bolgia il comandamento più importante è apparire, soprattutto apparire meglio degli altri, visto che l’obiettivo della giornata è ottenere più “like” possibili.

Pensando di poter viaggiare alle sorgenti della nascita, nel luogo dove le anime sono in attesa di incarnarsi sulla terra, e potendoci così avvicinare ad una di esse mentre osserva la situazione dall’alto, probabilmente  ci guarderebbe spaventata per chiederci:

“E adesso chi si prenderà cura di me?”

Una risposta a "Chi si prenderà cura di te?"

Add yours

  1. E’ proprio come avete scritto, le persone più sensibili non vivono tanto bene in questo periodo di anni oscuri governati dal denaro, dall’egoismo, dalla demenza perchè altro non è. La ricerca interiore è fondamentale per tutti noi se vogliamo sopravvivere come umanità degna di questo nome. Io spesso purtroppo sono preda della tristezza (amo tantissimo la Natura e non posso stare certo bene con quello che stiamo facendole) ma cerco di farmi forza, sono anni che leggo libri spirituali importanti e mi hanno aiutato tanto poi il difficile è l’azione, mettere nella pratica di ogni giorno ciò che ho imparato. Il film “Il signore degli anelli” ci mostra proprio quello che stiamo vivendo oggi, gli orchi in giro sono ormai tantissimi, tutto ciò che è elfico viene attaccato e il male cerca di distruggerlo. Io non faccio selfie e nemmeno li sopporto ma vedo naturalmente questo vuoto che avanza come la marea. Vi ringrazio degli articoli che scrivete, sempre belli, sempre interessanti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: