I 4 nemici naturali dell’essere umano

Per gli Sciamani Toltechi un essere umano, per arrivare alla conoscenza, doveva sfidare e sconfiggere i suoi quattro nemici naturali: la paura, la lucidità, il potere e la vecchiaia. Queste caratteristiche e dimensioni della vita venivano considerate nemiche dell’iniziato in quanto la paura blocca la volontà; la lucidità mentale può accecare l’uomo, impedendogli di vedere i suoi limiti; il potere, regalando l’ideale di onnipotenza, assoggetta l’uomo; la vecchiaia rende evidente il fatto che non si può vincere su tutto. Vediamo questi ostacoli uno alla volta per cercare di comprenderli ed affrontarli.

La paura è un’emozione naturale che non possiamo evitare di provare ma, riconoscendola come tale, possiamo provare a contrastare, affrontare e integrare.

Continua a leggere “I 4 nemici naturali dell’essere umano”

La prova

Le cose procedevano bene al villaggio, i due ragazzi erano diventati molto affiatati dopo il loro arrivo. Anche il giovane allievo, dopo le varie prove e la lotta contro il lupo nero sembrava essere maturato e la serietà con cui aveva preso il suo incarico di tutore del nuovo arrivato era ben vista agli occhi del Saggio Druido. Il Maestro portava ogni giorno i suoi allievi a superare i propri limiti che, solo il giorno prima, credevano invalicabili. La loro mente si apriva fino a vedere orizzonti poco prima sconosciuti, investigando in maniera sempre più profonda sui loro meccanismi e le loro paure. Il nuovo allievo Bran e il giovane apprendista erano diventati molto uniti, la loro crescita era intrecciata come l’albero e l’edera e spingeva entrambi a cercare di migliorarsi. Il Maestro li osservava da lontano; aveva dato al giovane allievo la responsabilità del nuovo arrivato ed era contento di come quest’ultimo cercava di condividere la sua esperienza con il giovane compagno di viaggio. Era successo, in realtà, che qualche volta avesse cercato di far valere la sua posizione di potere ma il Maestro era subito intervenuto facendogli notare che l’Insegnamento basato sul controllare, comandare e sottomettere non avrebbe portato molto lontano, anzi avrebbe causato una ribellione nel nuovo arrivato, spinto dal vedere nell’ingiustizia la causa di ogni suo fallimento per poi allontanarsi dalla scuola, accusando sia lui che il Saggio Druido di averlo trattato ingiustamente.

Continua a leggere “La prova”

Evento | Stati di coscienza – 3 parte

Sabato 29 Ottobre presso la sede dell’Associazione Per-Ankh si terrà il terzo dei quattro incontri dedicati agli stati di coscienza. Durante la serata entreremo nel merito del mondo della meditazione e del training autogeno; come nelle precedenti puntate, l’incontro consentirà ai partecipanti non solo di conoscere i principi teorici a fondamento degli argomenti, ma anche di “sbirciare” da dietro le quinte le variegate pratiche e tecniche.

Come sempre l’incontro è gratuito, unicamente in presenza (in provincia di Torino) e a numero chiuso. Per informazioni sull’evento e per chiedere di partecipare, preghiamo di contattarci direttamente.

Il vino nelle tradizioni antiche

Il vino è storia e cultura, arte e poesia, un elisir profumato dal colore intenso, con una innata capacità di animare le tavole e in grado di aprire al dialogo con soave ebbrezza.

Già usato durante l’Età del Bronzo, il vino – quando usato ritualmente – ha da sempre permesso all’uomo di espandere la propria coscienza e di sviluppare una conoscenza attiva disancorata dal tempo. Strumento potente, il vino non è come il pane depositario di mistero, ma ne apre l’accesso.

Continua a leggere “Il vino nelle tradizioni antiche”

Pillole di ebraismo | Emunah: una questione di “fede”?

Il termine Emunah viene comunemente tradotto con fede, fiducia. Secondo il Dizionario di Filosofia Treccani la parola fede ha il seguente significato: “Adesione ad affermazioni o dottrine non razionalmente evidenti ma credute in base a fondate o autorevoli testimonianze o per rivelazione”.

Occorre rendersi conto che, per la Tradizione ebraica, tale definizione semplicemente… non ha senso. 

Continua a leggere “Pillole di ebraismo | Emunah: una questione di “fede”?”

È tornato Gesù!

Anno duemilacredici. C’è grande fermento a livello mondiale. Gira in modo sempre più persistente la notizia del ritorno di Gesù.

Inizialmente, i giornali e i media più rappresentativi degli Stati, cercavano di ridimensionare queste voci nel tentativo di farle cadere nell’oblio, ma in poche settimane sono diventate letteralmente incontenibili.

I social impazzano di piccoli video e foto di un ragazzo inuit, piuttosto basso e grassottello, sulla trentina – in uno sperduto villaggio innevato della Groenlandia – mentre parla benevolmente con la sua gente.

Si dice che parli solo inuit e qualche sparuta parola di danese, nulla di più. Eppure sempre più persone, provenienti da tutto il mondo, stanno organizzando pellegrinaggi per andarlo a trovare, confidando di trovare poi in loco qualche traduttore.

Continua a leggere “È tornato Gesù!”

Il simbolo del serpente

Il serpente è stato spesso argomento di studio nei secoli e nelle tradizioni che lo hanno associato a concetti come la seduzione e la tentazione (ispirati dalla sinuosità dei suoi movimenti), ma anche a elementi in contrapposizione, come la vita e la morte (grazie alla caratteristica di cambiare pelle per rinnovarla stagionalmente), la guarigione e l’intossicazione (dovuta al suo veleno mortale).

Il serpente non mostra segni del suo sesso, e diviene per questo esempio della coniuctio oppositorum ricavata dalla letteratura alchemica ad indicare l’unione di polarità opposte.

Il suo spostamento è velocissimo nonostante non abbia arti né anteriori, né posteriori; è sufficiente osservarlo nelle opportune occasioni, secondo un movimento sinusoidale.

La comparsa e la scomparsa del serpente sono rapidissime, pertanto si desume che esso viva sia in superficie, sia dentro lo spessore della terra.

Continua a leggere “Il simbolo del serpente”

Atteggiamenti positivi e negativi nella Quarta Via

Il cambiamento inizia quando si prendono le cose comuni in modo nuovo.

M. Nicoll (1)

ATTEGGIAMENTI POSITIVI

LA SERIETÀ

Dobbiamo lottare per liberarci se vogliamo lottare per conoscerci. Conoscere e sviluppare se stessi costituiscono un impegno così importante e così serio, cui bisogna dedicare uno sforzo così intenso, che assumerselo nel modo solito, in mezzo a tutte le altre cose, è impossibile. L’uomo che si assume questo impegno deve metterlo al primo posto nella propria vita, perché la vita non è così lunga da poterla sprecare in cose inutili.

Continua a leggere “Atteggiamenti positivi e negativi nella Quarta Via”

Avventure per crescere | Gli gnomi e il calzolaio

C’era una volta un calzolaio così povero che non aveva altro che il cuoio sufficiente a fabbricare un paio di scarpe.

Prima di andare a dormire, lo ritagliò e lo lasciò sul tavolo, pronto a cucirlo il giorno seguente.

L’indomani, con sua grande sorpresa, al posto del cuoio trovò un paio di eleganti scarpe già tutte rifinite.

Subito si presentò un cliente che ne ammirò la fattura e le pagò generosamente. Con il ricavato il calzolaio potè comprare abbastanza cuoio per due paia di scarpe.

Continua a leggere “Avventure per crescere | Gli gnomi e il calzolaio”

La scuola di Quarta Via (cap. 30 – 2 parte)

Esiste una sorta di segreto nel lavoro-scuola, non nel senso di qualcosa realmente nascosto, ma di qualcosa che deve essere spiegato. L’idea è questa. Se prendiamo il lavoro-scuola come un’ottava ascendente, sappiamo che in ciascuna ottava ci sono due intervalli o vuoti, tra mi e fa e tra si e do.

Allo scopo di passare attraverso questi intervalli senza cambiare il carattere della linea di lavoro è necessario sapere come riempirli.

Continua a leggere “La scuola di Quarta Via (cap. 30 – 2 parte)”

Novità per (tutti) i bambini

Cari amici del blog, siamo felici di annunciarvi una nuova serie di articoli e podcast prossimamente in arrivo! Questa volta si tratterà di uno spazio dedicato ai bambini che, proprio attraverso le loro voci, accompagnerà i piccoli (ma anche i grandi) in una serie di racconti magici tra fiabe, favole, miti e leggende. Un piccolo contributo per offrire anche a loro semplici ma profonde gemme di saggezza che potranno aiutarli nella loro vita.


Siete pronti per questa nuova avventura? Inizieremo presto qui sul blog e sui nostri canali YouTube e Spotify. A presto!


Il ritorno a casa

Il viaggio di ritorno del giovane apprendista fu molto turbolento. Aveva rischiato di allontanarsi dalla scuola del Drudi per orgoglio personale. Si era affidato ad uno sconosciuto, incontrato nella foresta, pensando di poter diventare un druido più potente del suo Maestro, tornare indietro non era facile adesso. Questi erano i suoi pensieri mentre cercava di rimanere collegato all’energia della terra. Aveva trovato il contatto con le linee di forza quasi subito e sentiva di aver riacquistato un’unione più intima con la natura che lo circondava. Certo, i rumori della notte non lo lasciavano sereno. La cosa che più lo spaventava, erano le ombre che gli ricordavano la sua parte oscura appena incontrata e della quale aveva, adesso, una tremenda paura. L’altro aspetto che lo spaventava era l’ululato dei lupi in lontananza, che gli rievocavano, insieme alle ferite, l’avventura appena passata.

Continua a leggere “Il ritorno a casa”

Pillole di ebraismo: Avodah

Dopo Leck Leckà, il secondo appuntamento con le nostre pillole di ebraismo ci porta a vedere da vicino che cosa sia l’Avodah, termine ebraico la cui radice significa lavoro, fatica, servizio. Tali termini sono sicuramente famigliari al ricercatore curioso che ha già appreso che lavoro e fatica corrispondono ad uno sforzo consapevole e costante di indagine interiore attraverso il quale si punta il faro sui propri limiti e maschere, per liberarsi delle sovrastrutture che sono tanto inutili quanto ostacolanti.

Continua a leggere “Pillole di ebraismo: Avodah”

Il simbolo del Leone

Leo autem graece, latine rex interpretatur eo quod princeps sit omnium bestiarum (Il leone in greco significa re in latino perché è il capo di tutti gli animali): con queste parole il Leone viene presentato da Isidoro di Siviglia, uno tra i massimi rappresentanti della cultura medievale che, attraverso opere enciclopediche quali Etymologiae sive Origines – e attingendo a svariate fonti della cultura classica e tardo-romana – ci ha tramandato tutto il sapere della sua epoca.

Continua a leggere “Il simbolo del Leone”

Dialogo dell’Uomo con il suo BA

Rivolgo ora tutte le mie attenzioni e le mie energie a te, mio BA, affinché le tue parole possano scendere e fluire dentro di me.

Senza di te non posso conoscere i lati nascosti del mio essere, e il mio spirito divino sarebbe destinato ad estinguersi privo di forza come un pezzo di carne.

Sono pronto a pagare il prezzo necessario, perché la tua sapienza è ormai la mia unica ancora di salvezza. Ho deciso di aprirmi a te! […] È ormai diventato troppo faticoso vivere senza poter fare affidamento alla tua presenza.

Continua a leggere “Dialogo dell’Uomo con il suo BA”

La scuola di Quarta Via (cap. 30 – 1 parte)

Nessuna parola sarà in grado di riprodurre l’atmosfera di meraviglia, tensione, sospetto, esasperazione, speranza, felicità, divertimento puro e l’infelicità più cupa che Gurdjieff riusciva a creare intorno a sé.

J. Bennet (1)

Le scuole – le scuole esoteriche – ci trasmettono idee che possono liberarci. Queste idee provengono da coloro che si sono liberati e questa conoscenza è stata sempre trasmessa. Ma le idee che insegnano sono uguali alle idee insegnate dal Lavoro. Il Lavoro insegna idee liberatorie, ma l’azione di dette idee non saranno fruttuose se una persona non riflette su di esse e non sente di doverle applicare a se stesso.

Continua a leggere “La scuola di Quarta Via (cap. 30 – 1 parte)”

Blog su WordPress.com.

Su ↑