3 – Gimel: la mediazione dell’equilibrio

Terza lettera dell’alfabeto ebraico. Il suo valore numerico è 3. È la forza che favorisce l’emergere di un qualcosa di nuovo attraverso la generazione dell’equilibrio tra gli opposti. Tesi ed antitesi sono compresi e trascesi nella sintesi. È infatti l’iniziale della parola Gamlah il cui significato è ponte: esso unisce due spazi complementari ma separati e rende possibile qualcosa che era solamente potenziale: il passaggio, lo scambio, la relazione ed i mondi che da essa possono nascere.

“Perché Gimel è terza? Essa ha tre parti, insegnandoci così che concede (gomel) dei benefici. Ma Rabbi Akiba sostiene che Gimel ha tre parti perché concede, crede e sostiene. Come è scritto (Genesi 21:8), «il bambino crebbe (gadol) e fu svezzato (gomel)». Egli dice: questa è la mia spiegazione. Cresceva e concedeva dei favori ai suoi vicini e al prossimo”.

(Sepher HaBahir)

Leggi tutti gli articoli della categoria ebraismo: https://associazioneperankh.com/category/ebraismo/

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: